Parrocchia di SS. Salvatore e S. Maria

Parrocchia

SS. Salvatore e S. Maria

Parola di Vita in PPS

Parola di Vita

Ogni mese in formato PPS

Centro Polivalente San Calogero

Centro San Calogero

Museo Siciliano delle Tradizioni Religiose

Parola di vita

(Cuvântul Vietii - Fra ord til live - Fjala për ta jetuar - Fra Ord til liv - Slowo Zycia - Palabra de Vida - Pawòl Lavi a - Woord van Leven - Az élet igéje - Palavra de Vida - Parole de Vie - Word of Life - Kalaam Hayat - Sabda Kehidupan - Wort des Lebens - Kataga ng Buhay - Az élet igéje - Kelma tal-Hajja - Livets Ord - LÔØI SOÁNG - Beseda Življenja)

10 - Parola di Vita - Ottobre 2013 - Word of Life - Parole de Vie - Wort des Lebens

Parola di Vita  - Ottobre 2013

sertraline and alcohol use

sertraline alcohol withdrawal website

  • Arabo PPS -
  • Albanese  PPS - Fjala për ta jetuar -
  • Bielarusso -
  • Bulgaria    PPS -  
  • Ceco - Czech republic PPS
  • Cinese PPS -
  • Coreano PPS -  
  • Croato - Hrvatski - PPS - Rijec života -
  • Danese - DK    PPS - Livets Ord -
  • Filippino PPS - Kataga ng Buhay -
  • Francese   PPS - Parole de Vie -
  • Giapponese PPS -
  • Haitiano PPS - Pawòl Lavi
  • Bahasa - Indonesia   PPS - Sabda Kehidupan -
  • Inglese   PPS - Word des Lebens -
  • Maltese    PPS - Kelma tal-Hajja -
  • Norvegese   PPS - Fra Ord til liv -
  • Olandese    PPS - Woord van Leven-
  • Pakistan - Urdu    PPS - Kalam-e-Hayat -
  • Polacco - Polski - PPS - Slowo Zycia -
  • Portoghese PPS - Palavra de vida -
  • Rumeno - Româna  PPS - Cuvântul Vietii -
  • Russo -
  • Sloveno - Slovenija   PPS - Beseda Življenja -
  • Spagnolo - Español    PPS - Palabra de vida-
  • Spagnolo - Latino-Americano PPS - Palabra de vida -
  • Tailandese   PPS -
  • Tanzania - PPS - Neno la uzima -
  • Tedesco PPS - Wort des Lebens -
  • Ungherese   PPS - Az élet igéje -
  • Vietnamita PPS - LÔØI SOÁNG -

Paroladi Vita di ottobre 2013[1]

 «Non abbiate alcundebito con nessuno, se non quello di un amore vicendevole; perché chi ama ilsuo simile ha adempiuto la legge» (Rm13,8)[2].

  Nei versetti precedenti (Rm 13, 1-7) san Paolo aveva parlato del debito che noi abbiamoverso l'autorità civile (ubbidienza, rispetto, pagamento delle imposte, ecc.)sottolineando che anche l'assolvimento di questo debito deve essere animatodall'amore. Comunque, si tratta di un debito facilmente comprensibile, ancheperché, in caso di inadempienza, si incorrerebbe nelle sanzioni previste dallalegge.

 Partendo da qui, ora passa a parlare di un altro debito,un po' più difficile da capire: è quello che, conforme alla consegna lasciatacida Gesù, noi abbiamo verso ogni nostro prossimo. E' l'amore scambievole nellesue varie espressioni: generosità, premura, fiducia, stima reciproca,sincerità, ecc. (cf Rm 12, 9-12).

 «Non abbiate alcundebito con nessuno, se non quello di un amore vicendevole; perché chi ama ilsuo simile ha adempiuto la legge»

  Questa Parola di vita ci mette in evidenza due cose.

 Anzitutto l'amore ci viene presentato come un debito,cioè come qualcosa di fronte al quale non si può rimanere indifferenti, non losi può rimandare; come qualcosa che ci spinge, ci incalza, non ci dà pacefintanto che non lo si sia pagato.

 E' come dire che l'amore scambievole non è un "dipiù", frutto della nostra generosità, da cui a rigore di termini potremmodispensarci senza incorrere nelle sanzioni della legge positiva; questa Parola cichiede pressantemente di metterlo in pratica sotto pena di tradire la nostradignità di cristiani, chiamati da Gesù ad essere strumenti del suo amore nelmondo.

 In secondo luogo ci dice che l'amore scambievole è ilmovente, l'anima e il fine, verso cui tendono tutti i comandamenti.

 Ne segue che, se vogliamo compiere bene la volontà diDio, non ci si potrà accontentare di un'osservanza fredda e giuridica dei suoicomandamenti, ma occorrerà tenere sempre presente questo fine, che attraversodi essi Dio ci propone. Così, ad esempio, per vivere bene il settimocomandamento non ci si potrà limitare a non rubare, ma ci si dovrà impegnareseriamente per eliminare le ingiustizie sociali. Soltanto così dimostreremo diamare il nostro simile.

 «Non abbiate alcun debitocon nessuno, se non quello di un amore vicendevole; perché chi ama il suosimile ha adempiuto la legge»

  Come vivere allora la Parola di questo mese?

 Il tema dell'amore del prossimo, che essa ci ripropone,ha un'infinità di sfumature. Qui ne fisseremo soprattutto una, che ci sembrasuggerita in modo particolare dalle parole del testo.

 Se, come dice san Paolo, l'amore vicendevole è un debito,occorrerà avere un amore che ama per primo come ha fatto Gesù con noi. Sarà,quindi, un amore che prende l'iniziativa, che non aspetta, che non rimanda.

 Facciamo, allora, così in questo mese. Cerchiamo diessere i primi ad amare ogni persona che incontriamo, alla quale telefoniamo,scriviamo, o con la quale viviamo. E sia il nostro un amore concreto, che sa capire,prevenire, che è paziente, fiducioso, perseverante, generoso.

 Ci accorgeremo che la nostra vita spirituale farà unbalzo di qualità, senza contare la gioia che riempirà il nostro cuore.

 Chiara Lubich


[1] Parola di vita pubblicata in Città Nuova 1990/15/16, p.9.

[2] Cf Lv, 19,18.

Archivio

I Power Point pubblicati su questo sito possono essere divulgati e pubblicati su altri siti senza apportare alcuna modifica al testo e alle immagini, è vietata qualsiasi riproduzione su DVD per uso commerciale. Anna Lollo e la direzione del Santuario declinano ogni responsabilità.

© 2015 - Santuario San Calogero
San Salvatore di Fitalia (ME)
direzione@santuariosancalogero.org.
Telefono/Fax 0941 486014

Coordinate Bancarie
Codice IBAN IT47 K076 0116 5000 0005 2662 681
Codice BIC/SWIFT BPPIITRRXXX
CIN  K   -  ABI   07601     CAB   16500 
N° CONTO 000052662681

Verifica su noicattolici.it
vota questo sito su noicattolici.it
Totus Tuus
Powered by Genesit