Parrocchia di SS. Salvatore e S. Maria

Parrocchia

SS. Salvatore e S. Maria

Parola di Vita in PPS

Parola di Vita

Ogni mese in formato PPS

Centro Polivalente San Calogero

Centro San Calogero

Museo Siciliano delle Tradizioni Religiose

Parola di vita

(Cuvântul Vietii - Fra ord til live - Fjala për ta jetuar - Fra Ord til liv - Slowo Zycia - Palabra de Vida - Pawòl Lavi a - Woord van Leven - Az élet igéje - Palavra de Vida - Parole de Vie - Word of Life - Kalaam Hayat - Sabda Kehidupan - Wort des Lebens - Kataga ng Buhay - Az élet igéje - Kelma tal-Hajja - Livets Ord - LÔØI SOÁNG - Beseda Življenja)

06 - Parola di Vita - Giugno 2016 - Word of Life - Parole de Vie - Wort des Leben

Parola di Vita - Giugno 2016

prednisolon kur

prednisolon

  • Arabo PPS -
  • Albanese  PPS - Fjala për ta jetuar -
  • Bielarusso - 
  • Bulgaria    PPS -  
  • Ceco - Czech republic PPS
  • Cinese PPS -
  • Coreano PPS -  
  • Croato - Hrvatski - PPS - Rijec za život - 
  • Danese - DK    PPS - Livets Ord -
  • Filippino PPS - Kataga ng Buhay -
  • Francese   PPS - Parole de Vie -
  • Giapponese PPS -
  • Haitiano PPS - Pawòl Lavi
  • Bahasa - Indonesia   PPS - Sabda Kehidupan -
  • Inglese   PPS - Word des Lebens -
  • Maltese    PPS - Kelma tal-Hajja -
  • Norvegese   PPS - Fra Ord til liv -
  • Olandese - PPS -Woord van Leven - F
  • Pakistan - Urdu    PPS - Kalam-e-Hayat -
  • Polacco - Polski - PPS - Slowo Zycia - 
  • Portoghese PPS - Palavra de vida -
  • Rumeno - Româna  
  • Russo - 
  • Sloveno - Slovenija   PPS - Beseda Življenja -
  • Spagnolo - Español    PPS - Palabra de vida-
  • Spagnolo - Latino-Americano PPS - Palabra de vida -
  • Tailandese   PPS -
  • Tanzania - PPS - Neno la uzima -
  • Tedesco PPS - Wort des Lebens -
  • Ungherese   PPS - Az élet igéje -
  • Vietnamita PPS - LÔØI SOÁNG -

«Siate in pace gli uni con gli altri» (Mc 9, 50)

 Come cade bene, in mezzo ai conflitti che ferisconol'umanità in tante parti del mondo, l'invito di Gesù alla pace. Tiene viva lasperanza, sapendo che è Lui la pace e ha promesso di darci la sua pace.

Il Vangelo di Marco riporta questa parola di Gesù al terminedi una serie di detti rivolti ai discepoli, riuniti in casa a Cafarnao, neiquali spiega come avrebbe dovuto vivere la sua comunità. La conclusione èchiara: tutto deve condurre alla pace, nella quale è racchiuso ogni bene.

Una pace che siamo chiamati a sperimentare nella vitaquotidiana: in famiglia, al lavoro, con chi pensa diversamente in politica. Unapace che non ha paura di affrontare le opinioni discordanti, di cui occorreparlare apertamente, se vogliamo un'unità sempre più vera e profonda. Una paceche, nello stesso tempo, domanda di essere attenti a che il rapporto d'amorenon venga mai meno, perché l'altro vale più delle diversità che possono essercitra noi.

«Dovunque arriva l'unità e l'amore reciproco - affermavaChiara Lubich -, arriva la pace, anzi, la pace vera. Perché dove c'è l'amorereciproco, c'è una certa presenza di Gesù in mezzo a noi, e lui è proprio lapace, la pace per eccellenza»[1].

Il suo ideale di unità era nato durante la Seconda Guerramondiale e subito apparve come l'antidoto a odi e  lacerazioni. Da allora, davanti a ogni nuovoconflitto, Chiara ha continuato a proporre con tenacia la logica evangelica dell'amore.Quando, ad esempio, esplose la guerra in Iraq nel 1990, espresse l'amarasorpresa di sentire «parole che pensavamo sepolte, come: "il nemico", "inemici", "cominciano le ostilità", e poi i bollettini di guerra, i prigionieri,le sconfitte (…). Ci siamo resi conto con sgomento che veniva ferito nel cuoreil principio fondamentale del cristianesimo, il "comando" per eccellenza diGesù, quello "nuovo". (…) Invece di amarsi a vicenda, invece di essere pronti amorire l'uno per l'altro», ecco l'umanità di nuovo «nel baratro dell'odio»:disprezzo, torture, uccisioni[2]. Comeuscirne? si domandava. «Dobbiamo tessere, dove è possibile, rapporti nuovi, oun approfondimento di quelli già esistenti, fra noi cristiani ed i fedeli dellereligioni monoteiste: i Musulmani e gli Ebrei»[3], ossiatra quanti allora erano in conflitto.

Lo stesso vale davanti a ogni tipo di conflitto: tessere trapersone e popoli rapporti di ascolto, di aiuto reciproco, di amore, direbbeancora Chiara, fino ad "essere pronti a morire l'uno per l'altro". Occorrespostare le proprie ragioni per capire quelle dell'altro, pur sapendo che nonsempre arriveremo a comprenderlo fino in fondo. Anche l'altro probabilmente falo stesso con me e neppure lui, forse, a volte capisce me e le mie ragioni.Vogliamo tuttavia rimanere aperti all'altro, pur nella diversità e nell'incomprensione,salvando prima di tutto la relazione con lui.

Il Vangelo lo pone come un imperativo: "Siate in pace",segno che richiede un impegno serio ed esigente. È una delle più essenzialiespressioni dell'amore e della misericordia che siamo chiamati ad avere gli universo gli altri.

 Fabio Ciardi



[1]Alla TV Bavarese, 16 settembre 1988.

[2]28 febbraio 1991, cf. Santi insieme, Città Nuova, Roma 1994, p. 63-64.

[3]Ibid., p. 68.


Archivio

I Power Point pubblicati su questo sito possono essere divulgati e pubblicati su altri siti senza apportare alcuna modifica al testo e alle immagini, è vietata qualsiasi riproduzione su DVD per uso commerciale. Anna Lollo e la direzione del Santuario declinano ogni responsabilità.

© 2015 - Santuario San Calogero
San Salvatore di Fitalia (ME)
direzione@santuariosancalogero.org.
Telefono/Fax 0941 486014

Coordinate Bancarie
Codice IBAN IT47 K076 0116 5000 0005 2662 681
Codice BIC/SWIFT BPPIITRRXXX
CIN  K   -  ABI   07601     CAB   16500 
N° CONTO 000052662681

Verifica su noicattolici.it
vota questo sito su noicattolici.it
Totus Tuus
Powered by Genesit