Parrocchia di SS. Salvatore e S. Maria

Parrocchia

SS. Salvatore e S. Maria

Parola di Vita in PPS

Parola di Vita

Ogni mese in formato PPS

Centro Polivalente San Calogero

Centro San Calogero

Museo Siciliano delle Tradizioni Religiose

Parola di vita

(Cuvântul Vietii - Fra ord til live - Fjala për ta jetuar - Fra Ord til liv - Slowo Zycia - Palabra de Vida - Pawòl Lavi a - Woord van Leven - Az élet igéje - Palavra de Vida - Parole de Vie - Word of Life - Kalaam Hayat - Sabda Kehidupan - Wort des Lebens - Kataga ng Buhay - Az élet igéje - Kelma tal-Hajja - Livets Ord - LÔØI SOÁNG - Beseda Življenja)

12 - Parola di Vita - Dicembre 2016 - Word of Life - Parole de Vie - Wort des Leben

Parola di Vita - Dicembre 2016

viagra online

viagra

  • Arabo PPS -
  • Albanese   - Fjala për ta jetuar -
  • Bielarusso - Словo Жыцця -
  • Bulgaria - ДУМИ ЗА ЖИВОТ -
  • Ceco - Czech republic PPS
  •  Cinese
  • Coreano - 생활말씀 - 2016년 11 월
  • Croato = Hrvatski - Riječ za život -
  • Danese - DK    PPS - Livets Ord -
  • Filippino - Kataga ng Buhay -
  • Francese - Parole de Vie -
  • Giapponese - 命の言葉  
  • Haitiano PPS - Pawòl Lavi
  • Bahasa - Indonesia   PPS - Sabda Kehidupan -
  • Inglese  -  Word of Life -
  • Maltese    PPS - Kelma tal-Hajja -
  • Macedone      СЛОВО НА ЖИВОТОТ -  
  • Norvegese   PPS - Fra Ord til liv -
  • Olandese - Woord van leven
  • Pakistan = Urdu  - Kalam-e-Hayat -
  • Polacco = Polski - Slowo Zycia -
  • Portoghese - Palavra de vida -
  • Rumeno - Româna  
  • Russo - Слово жизни -
  • Sloveno = Slovenija   PPS - Beseda Življenja -
  • Spagnolo = Español - Palabra de Vida -
  • Spagnolo = Latino Americano - Palabra de vida -
  • Tailandese   PPS -
  • Tanzania - PPS - Neno la uzima -
  • Tedesco -  Wort des Lebens -
  • Ungherese   PPS - Az élet igéje -
  • Vietnamita  - LÔØI SOÁNG -


"Egli viene a salvarvi" (Is 35, 4).

Il verbo è al presente: egli viene. È certezza di adesso. Non dobbiamo aspettare domani, o la fine dei tempi, o l'altra vita. Dio agisce subito, l'amore non consente dilazioni o ritardi. Il profeta Isaia si rivolgeva a un popolo che attendeva con ansia la fine dell'esilio e il ritorno in patria. In questi giorni d'attesa del Natale non possiamo non ricordare che una simile promessa di salvezza fu rivolta a Maria: "Il Signore è con te" (Lc 1,28); l'angelo le annunciava la nascita del Salvatore.
Non viene per una visita qualsiasi. Il suo è un intervento decisivo, della massima importanza: viene a salvarci! Da cosa? Siamo in grave pericolo? Sì. A volte ne siamo consapevoli, a volte non ce ne rendiamo conto. Interviene perché vede gli egoismi, l'indifferenza verso chi soffre ed è nel bisogno, gli odi, le divisioni. Il cuore dell'umanità è malato. Egli viene mosso a pietà verso la sua creatura, non vuole che si perda.
La sua è come la mano tesa verso un naufrago che sta annegando. Purtroppo in questo periodo questa immagine, che si rinnova di giorno in giorno con i profughi che tentano di attraversare i nostri mari, ci è sempre sotto gli occhi, e vediamo con quanta prontezza afferrano quella mano tesa, quel giubbotto salvavita. Anche noi, in ogni momento, possiamo afferrare la mano tesa di Dio e seguirlo con fiducia. Egli non soltanto guarisce il nostro cuore da quel ripiegamento su noi stessi, che ci chiude verso gli altri, ma ci rende, a nostra volta, capaci di aiutare quanti sono nella necessità, nella tristezza, nella prova.
«Non è certo il Gesù storico o Lui in quanto Capo del Corpo mistico - scriveva Chiara Lubich - che risolve i problemi. Lo fa Gesù-noi, Gesù-io, Gesù-tu, ... È Gesù nell'uomo, in quel dato uomo - quando la sua grazia è in lui -, che costruisce un ponte, fa una strada, ... […] È come altro Cristo, come membro del suo Corpo mistico, che ogni uomo porta un contributo suo tipico in tutti i campi: nella scienza, nell'arte, nella politica, nella comunicazione e così via». L'uomo è con ciò concreatore e corredentore di Cristo. «È l'incarnazione che continua, incarnazione completa che riguarda tutti i Gesù del Corpo mistico di Cristo» .
È proprio quanto è accaduto a Roberto, un ex-carcerato che ha trovato chi l'ha "salvato" e che si è trasformato a sua volta in uno che "salva". Ha raccontato la sua esperienza al papa quando, il 24 aprile, è intervenuto alla Mariapoli  di Villa Borghese a Roma. «Finita una lunga detenzione pensavo di ricominciare una vita, ma come si sa, anche se hai pagato la tua pena, per la gente rimani sempre un poco di buono. Cercando lavoro ho trovato tutte le porte chiuse. Ho dovuto elemosinare per strada, per sette mesi ho fatto il barbone. Finché non ho incontrato Alfonso che, mediante l'associazione da lui creata, aiuta le famiglie dei carcerati. "Se vuoi ricominciare, mi ha detto, vieni con me". Adesso da un anno lo aiuto a preparare le buste della spesa per le famiglie dei carcerati che andiamo a visitare. Per me è una grazia immensa perché in queste famiglie rivedo me stesso. Vedo la dignità di queste donne sole con bambini piccoli, che vivono in situazioni disperate, che aspettano qualcuno che vada a portare loro un po' di conforto, un po' di amore. Donandomi ho ritrovato la mia dignità di essere umano, la mia vita ha un senso. Ho una forza in più perché ho Dio nel cuore, mi sento amato…».

Fabio Ciardi

Archivio

I Power Point pubblicati su questo sito possono essere divulgati e pubblicati su altri siti senza apportare alcuna modifica al testo e alle immagini, è vietata qualsiasi riproduzione su DVD per uso commerciale. Anna Lollo e la direzione del Santuario declinano ogni responsabilità.

© 2015 - Santuario San Calogero
San Salvatore di Fitalia (ME)
direzione@santuariosancalogero.org.
Telefono/Fax 0941 486014

Coordinate Bancarie
Codice IBAN IT47 K076 0116 5000 0005 2662 681
Codice BIC/SWIFT BPPIITRRXXX
CIN  K   -  ABI   07601     CAB   16500 
N° CONTO 000052662681

Verifica su noicattolici.it
vota questo sito su noicattolici.it
Totus Tuus
Powered by Genesit