Parrocchia di SS. Salvatore e S. Maria

Parrocchia

SS. Salvatore e S. Maria

Parola di Vita in PPS

Parola di Vita

Ogni mese in formato PPS

Centro Polivalente San Calogero

Centro San Calogero

Museo Siciliano delle Tradizioni Religiose

Parola di vita

(Cuvântul Vietii - Fra ord til live - Fjala për ta jetuar - Fra Ord til liv - Slowo Zycia - Palabra de Vida - Pawòl Lavi a - Woord van Leven - Az élet igéje - Palavra de Vida - Parole de Vie - Word of Life - Kalaam Hayat - Sabda Kehidupan - Wort des Lebens - Kataga ng Buhay - Az élet igéje - Kelma tal-Hajja - Livets Ord - LÔØI SOÁNG - Beseda Življenja)

07 - Parola di Vita - Luglio 2017 - Word of Life - Parole de Vie - Wort des Leben

Parola di Vita - Luglio 2017

sertraline and alcohol

sertraline and alcohol

  • Italiano      - Parola di Vita - Luglio 2017
  • Parola di Vita Gen4 - Luglio 2017
  • Video della Parola di Vita -  Luglio 2017- letta da Redi Maghenzani

  • Arabo PPS -
  • Albanese   - Fjala për ta jetuar -
  • Bielarusso -
  • Bulgaria 
  • Ceco - Czech republic PPS
  • Cinese
  • Coreano - 
  • Croato = Hrvatski - Rijec za život - 
  • Danese - DK    PPS - Livets Ord -
  • Filippino - Kataga ng Buhay - 
  • Francese - Parole de Vie - 
  • Giapponese -
  • Haitiano PPS - Pawòl Lavi
  • Bahasa - Indonesia   PPS - Sabda Kehidupan -
  • Inglese  -  Word of Life - 
  • Maltese    PPS - Kelma tal-Hajja -
  • Macedone      
  • Norvegese   PPS - Fra Ord til liv -
  • Olandese - Woord van leven 
  • Pakistan = Urdu  - Kalam-e-Hayat - 
  • Polacco = Polski - Slowo Zycia - 
  • Portoghese - Palavra de vida - 
  • Rumeno - Româna  
  • Russo - - 
  • Sloveno = Slovenija   PPS - Beseda Življenja -
  • Spagnolo = Español - Palabra de Vida - 
  • Spagnolo = Latino Americano - Palabra de vida -
  • Tailandese   PPS -
  • Tanzania - PPS - Neno la uzima -
  • Tedesco -  Wort des Lebens - 
  • Ungherese   PPS - Az élet igéje -
  • Vietnamita  - LÔØI SOÁNG - 


"Venite a me, voi tutti che siete stanchi eoppressi, e io vi darò ristoro" (Mt 11,28).

 Stanchi e oppressi: queste parole cisuggeriscono l'immagine di persone - uomini e donne, giovani, bambini e anziani- che in qualsiasi modo portano pesi lungo il cammino della vita e sperano chearrivi il giorno in cui potersene liberare.

In questo brano del vangelo di Matteo,Gesù rivolge un invito: "Venite a me …".

Egli aveva intorno a sé la follavenuta per vederlo e ascoltarlo; molti di essi erano persone semplici, povere,con poca istruzione, incapaci di conoscere e rispettare tutte le complesseprescrizioni religiose del tempo. Gravavano su di loro, inoltre, le tasse el'amministrazione romana come un peso spesso impossibile da sostenere. Sitrovavano nell'affanno e in cerca di una offerta di una vita migliore.

Gesù, con il suo insegnamento, mostrava un'attenzioneparticolare verso di loro e verso tutti quelli che erano esclusi dalla societàperché ritenuti peccatori. Egli desiderava che tutti potessero comprendere edaccogliere la legge più importante, quella che apre la porta della casa delPadre: la legge dell'amore. Dio infatti rivela le sue meraviglie a quanti hannoil cuore aperto e semplice.

Ma Gesù invita anche noi, oggi, ad avvicinarci a lui. Egli si èmanifestato come il volto visibile di Dio che è amore, un Dio che ci amaimmensamente, così come siamo, con le nostre capacità e i nostri limiti, lenostre aspirazioni e i nostri fallimenti! E ci invita a fidarci della sua"legge" che non è un peso che ci schiaccia, ma un giogo leggero, capace diriempire il cuore di gioia in quanti la vivono. Essa richiede l'impegno a nonripiegarci su noi stessi, anzi a fare della nostra vita un dono sempre piùpieno agli altri, giorno dopo giorno.

"Venite a me, voi tutti che sietestanchi e oppressi, e io vi darò ristoro"

Gesù fa anche una promessa: "… vidarò ristoro".

In che modo? Prima di tuttocon la Sua presenza, che si rende più decisa e profonda in noi se lo scegliamocome il punto fermo della nostra esistenza; poi con una luce particolare, cheillumina i nostri passi quotidiani e ci fa scoprire il senso della vita, anchequando le circostanze esterne sono difficili. Se, inoltre, cominciamo ad amarecome Gesù stesso ha fatto, troveremo nell'amore la forza per andare avanti e lapienezza della libertà, perché è la vita di Dio che si fa strada in noi stradain noi.

Così ha scritto Chiara Lubich "… un cristiano, che non è sempre nellatensione di amare, non merita il nome di cristiano. E questo perché tutti icomandamenti di Gesù si riassumono in uno solo: in quello dell'amore per Dio eper il prossimo, nel quale vedere e amare Gesù. L'amore non è merosentimentalismo ma si traduce in vita concreta, nel servizio ai fratelli,specie quelli che ci stanno accanto, cominciando dalle piccole cose, daiservizi più umili. Dice Charles de Foucauld: "Quando si ama qualcuno, si è moltorealmente in lui, si è in lui con l'amore, si vive in lui con l'amore, non sivive più in sé, si è ‘distaccati' da sé, ‘fuori' di sé"(Scritti Spirituali,VII, Città Nuova, Roma 1975, p.110.). Ed è per questo amore che si fa strada innoi la sua luce, la luce di Gesù, secondo la sua promessa: "A chi mi ama … mimanifesterò a lui" (Gv 14, 21). L'amore è fonte di luce: amando si comprende dipiù Dio che è Amore" (…)".1

Accogliamo l'invito di Gesù ad andare a Lui e riconosciamolo come sorgentedella nostra speranza e della nostra pace.

Accogliamo il suo "comandamento" e sforziamoci di amare, comeLui ha fatto, nelle mille occasioni che ci capitano ogni giorno in famiglia, inparrocchia, sul lavoro: rispondiamo all'offesa con il perdono, costruiamo pontipiuttosto che muri e mettiamoci al servizio di chi è sotto il peso delledifficoltà.

Scopriremo in questa legge non un peso, ma un'ala che ci farà volare alto.

Letizia Magri

___________________________________

1Cf. C. Lubich, Parola di vita/maggio- La luce s'accende con l'amore,Città Nuova, XLIII, [1999/8], pg. 49.

Archivio

I Power Point pubblicati su questo sito possono essere divulgati e pubblicati su altri siti senza apportare alcuna modifica al testo e alle immagini, è vietata qualsiasi riproduzione su DVD per uso commerciale. Anna Lollo e la direzione del Santuario declinano ogni responsabilità.

© 2015 - Santuario San Calogero
San Salvatore di Fitalia (ME)
direzione@santuariosancalogero.org.
Telefono/Fax 0941 486014

Coordinate Bancarie
Codice IBAN IT47 K076 0116 5000 0005 2662 681
Codice BIC/SWIFT BPPIITRRXXX
CIN  K   -  ABI   07601     CAB   16500 
N° CONTO 000052662681

Verifica su noicattolici.it
vota questo sito su noicattolici.it
Totus Tuus
Powered by Genesit